A COSA SERVE LA CASSETTA ROSSA?


A RICHIEDERE:

RICETTE PER FARMACI GIÀ IN TERAPIA CRONICA

RICETTE PER PRESCRIZIONI DI ESAMI DEL SANGUE O STRUMENTALI (rx,tac, ecografie ,ecc) (RX, TAC, ECOGRAFIE, ECC) SOLO QUANDO PRESCRITTI DA UNO SPECIALISTA O DALL’OSTETRICA PER LE PAZIENTI GRAVIDE.
IN TAL CASO È NECESSARIO ALLEGARE IL RELATIVO REFERTO

A LASCIARE IN VISIONE:

Risultati di esami del sangue o radiologici o referti di visite specialistiche; queste documentazioni saranno poi ritirate con le stesse modalità delle ricette.

COSA NON PUÒ ESSERE RICHIESTO:

Ogni tipo di farmaco a meno che non già in uso o preventivamente concordato con il sottoscritto (no quindi a richieste del tipo mi serve un antibiotico).

Esami del sangue o radiologici qualora non prescritti da uno specialista o preventivamente concordati con il sottoscritto (no quindi a richieste del tipo ho male ad un ginocchio mi serve la tac).

Ogni tipo di certificato

QUANDO SI LASCIANO LE RICHIESTE:

Durante il normale orario di ambulatorio imbucando la relativa busta (anche usata) nella cassetta rossa.

QUANDO SI RITIRANO LE RICETTE:

Il giorno successivo a quello nel quale è stata lasciata la busta durante il normale orario di ambulatorio, preferibilmente all’inizio oppure fra l’uscita di un paziente e l’ingresso del successivo. Le buste lasciate il venerdì saranno ritirabili il lunedì successivo. La consegna avverrà direttamente all’interessato/a o ad un suo incaricato.

È NECESSARIO CHE IL MEDICO CONSEGNI LE BUSTE PERSONALMENTE?

Le buste contengono dati cosiddetti sensibili e quindi tutelati dalla legge sulla privacy. Non è quindi possibile lasciare le buste incustodite nella sala d’aspetto; ciò faciliterebbe certo il ritiro, ma mi metterebbe nella condizione di subire pesanti sanzioni per violazione della privacy.